Il Vallerani System (VS)
Tappe della lavorazione
Attrezzature
Operazioni integrative
Ostacoli
Produzioni agricole
Benefici ottenibili
Risultati
Costi
La Grande Muraglia Verde

» Galleria fotografica
» Link
» Riconoscimenti
» Documentazione
» Contatti

UNA SPERANZA PER L'AFRICA:
IL PROGETTO DI UNA GRANDE MURAGLIA VERDE NEL SAHEL



Progetto Muraglia Verde
Nel 1995/96, a otto anni dalla invenzione degli aratri Delfino e Treno, contrariato fortemente dal fatto che il Sistema non riceveva la considerazione che meritava per alleviare la gravità della situazione umana e ambientale in vastissime aree del pianeta, Venanzio Vallerani ha pubblicato il progetto "La Lutte contre la Detersification (LCD) et la Rehabilitation de l'Environnement (RE) au Sahel avec le Systeme Vallerani". Il progetto è stato distribuito alla FAO, IFAD, Cooperazioni Italiana, Svizzera, Tedesca, Francese, Svedese, Portoghese, Spagnola, ad alcune Ong e Consulting.

In esso si proponevano schemi di intervento, costi e proiezioni di risultati per la lavorazione con il VS nella zona saheliana su un fronte di seimila chilometri per 15 di profondità, da realizzare in 6 anni.
I costi previsti per l'acquisto di 260 Unità di Meccanizzazione (UMVS), la lavorazione e la semina di circa 2 miliardi di microbacini e per altri interventi, ammontavano a 370 milioni di USD ed avrebbero consentito una cintura verde assai importante per tutti gli Stati della zona saheliana con riflessi positivi ovunque:
- avrebbero contrastato l'abbandono delle terre, la fame, la povertà;
- avrebbero fatto infiltrare nelle falde freatiche da 4 a 6 miliardi di metri cubi di pioggia (ogni microbacino raccoglie più di 1mc di acqua ogni 100mm di pioggia).
È certo inoltre che al termine dei sei anni essendo previsto nei costi il 50% in più per pezzi di ricambio, buona parte del materiale sarebbe stato in grado di essere ancora utilizzato a costi contenuti per altri anni.
Quel progetto avveniristico diventa oggi di grande attualità nella nuova presa di coscienza che governi ed organismi internazionali hanno sviluppato attorno alla necessità di efficaci interventi capaci di innescare un circolo virtuoso attraverso la riforestazione di immense superfici di terreno degradato.
Nel frattempo il VS è stato sottoposto:
- da un lato ad una verifica scientifica da parte dei ricercatori del "Iternational Center for Agricultural Research of Dry Areas" (ICARDA) sul "the Vallerani Project" finanziato dalla Cooperazione Svizzera con la conclusione di "Excellent results" e formulazione di una proposta per applicare il progetto in partnership con Marocco, Algeria, Tunisia, Libia e Mauritania (Ottobre 2006).

- d'altro lato ad una applicazione sperimentale su larga scala nel nord della Cina nel "Project for Afforestation of a Pilot Area through the application of the Vallerani System Technology in the Inner Mongolia Autonomous Region between The State Forestry Administration of China (SFA) and The Italian Ministry of the Environment and Territory (IMET)".

consegna medaglia

Il progetto prevedeva la lavorazione di 1000ha; a seguito degli ottimi risultati conseguiti ne sono stati realizzati 3200 e il dott. Vallerani è stato nominato Professore Onoris Causa per la prevenzione e la lotta alla desertificazione all'Accademia forestale dell'Inner Mongolia (AFIP) e all'Università di Ulun Beir, consulente speciale dell'Accademy for forestry inventory and planning of state forestry administration del Ministero delle foreste cinese ed insignito dal presidente Hu Jintao del Certificate of Friendschip, la più alta onorificenza conferita dal governo cinese ad uno straniero.


Per ulteriori informazioni in merito si vedano i rapporti di lavoro nella sezione documentazione.

Si conclude evidenziando ancora una volta, se fosse necessario, che quanto proposto con il progetto del 1996, è perfettamente rispondente agli interventi fino ad oggi attuati, pertanto con il Sistema possono essere affrontati:

- i problemi legati alle Tre Convenzioni delle NU;
- in un tempo ragionevole, collegato al numero di Unità di Meccanizzazione del VS (UMVS);
- nel migliore e più naturale dei modi;
- a costi 4-5 volte inferiori a quelli attualmente sostenuti per la lotta alla desertificazione.